Categorie
Approfondimenti

Perché è importante supportare il commercio a chilometro zero?

Tra coloro che più hanno risentito della crisi economica causata dalla pandemia del Covid-19 nei primi mesi del 2020 (ed ancora in corso) vi sono i piccoli commercianti di quartiere. Ad alcuni di loro è stata imposta la chiusura perché venditori di beni e servizi che non erano di prima necessità; altri non hanno chiuso ma ugualmente hanno subito un drastico calo di vendite dovute. La gente semplicemente preferiva comprare tutto in una unica soluzione nella grandi catene commerciali oppure ordinare online.

In questo periodo buio per questa fetta di economia, molti sono stati costretti a chiudere i battenti anche in maniera definitiva. Abbiamo assistito alla scelta dolorosa di commercianti che dopo anni di sacrifici e scelte coraggiose di investimento nella propria attività, hanno dovuto rinunciare a tutto. Non tutti sono riusciti ad organizzarsi e a convertire la propria attività al digitale. Iniziative come quella di Njdja.com di offrire un mezzo per la vendita a domicilio ed incentivare il commercio di quartiere sono sorte numerose ma spesso non rappresentavano la soluzione ad un problema così grosso.

Come spesso accade, davanti alle emergenze ci si rende conto del vero valore delle cose.

Per prima cosa abbiamo assistito ad una diminuzione drastica della diversificazione dell’offerta. I posti da cui andare a comprare sono diminuiti in numero e ci siamo resi conto che, improvvisamente, siamo meno liberi di scegliere i nostri stessi acquisti. Questo ha dato anche il via a situazioni di speculazione che, fortunatamente, sono presto rientrate.

Abbiamo osservato una distribuzione meno equa dei profitti. Al fianco delle attività che chiudevano per sempre, c’erano quelle che lavoravano in maniera incessante, quasi difficile e spiacevole da gestire.

Abbiamo sentito la mancanza dell’attenzione al cliente e della socialità insostituibile dei nostri commercianti di fiducia. Spesso, anche nella grandi metropoli, questo influisce nella creazione di un senso di comunità e di vicinanza.

Abbiamo visto venir meno quel continuo impegno per la valorizzazione del territorio e della tradizione che i commercianti di quartiere preservano con il loro lavoro quotidiano ed il loro amore per i prodotti locali, per l’ambiente, per i collaboratori che realizzano con loro la filiera corta.

Tutto quello che improvvisamente abbiamo visto scomparire, in realtà, sta lentamente scomparendo da anni. Questo sfortunato evento ci ha solo dato la possibilità di accorgerci della direzione che stiamo prendendo. Ci apre gli occhi per farci notare come le cose sono già cambiate notevolmente rispetto a 10 o 20 anni fa. Il commercio a chilometro zero è la chiave per salvaguardare il benessere comune e la qualità della vita.

Noi di Njdja.com rappresentiamo solo una goccia nel mare con il nostro tentativo di creare una community commerciale che favorisca il commercio di prossimità. Speriamo che molti altri vorranno muoversi in questa direzione insieme a noi. Creare comunità e acquistare con coscienza.

Categorie
Community Missione

I vantaggi di una community sempre più grande di commercio a Km 0

Il Team di njdja.com in questi ultimi mesi ha lavorato molto per aiutare botteghe, ristoranti, pizzerie, macellerie e negozi di ogni genere. Siamo felici dei risultati raggiunti. Ogni giorno abbiamo inserimenti da diverse città italiane.

Il nostro scopo è quello di aiutare piccoli commercianti, ristoratori, ecc.., convinti che le piccole azioni del singolo possano migliorare la situazione a livello nazionale. Per questo non abbiamo mai chiesto niente in cambio. Tutti possono inserire e gestire autonomamente la propria attività sul nostro sito, senza pagamenti di nessun tipo, ne ora ne mai!

Siamo convinti che njdja.com sia uno strumento molto utile che tutti devono avere il diritto di conoscere e utilizzare. Per questo motivo vogliamo espandere la nostra community il più possibile.

Una community più grande:

  • permetterà di raggiungere molte più attività e utenti
  • aiuterà le attività che già si sono registrate ad avere ancora più visibilità nella propria zona
  • tutti sapranno dove ordinare a domicilio e anche i turisti avranno a disposizione tutte le attività che possono contattare (rilanciando il commercio locale)

Noi del Team di njdja.com non possiamo fare tutto questo da soli e ora vi chiediamo un piccolo sforzo.

Tu che sei arrivato in fondo a questo post, condividi il nostro messaggio con i tuoi amici, invitali a mettere ‘mi piace’ alla nostra Pagina Facebook, se sei già su njdja.com o lo utilizzi come utente, fallo sapere a tutti -> come abbiamo scritto sopra, questa piccola azione da parte tua potrebbe cambiare in meglio la situazione di molti!

Credits:
Video www.njdja.com
Music: https://www.bensound.com

Categorie
Approfondimenti Curiosità

I 5 buoni motivi per comprare a domicilio

In questo video ti diamo cinque buoni motivi per comprare a domicilio. Ce ne sarebbero molti altri!

  1. Risparmi tempo. Ogni italiano fa la spesa in media due volte a settimana, impiegando un’ora e mezza ogni volta. 156,4 ore risparmiate in un anno.
  2. Aiuti le botteghe di quartiere. Puoi differenziare i tuoi acquisti, comprando dai tuoi commercianti di fiducia. Contro la desertificazione commerciale.
  3. Più scelta e più risparmio. Puoi guardare gli scaffali online di numerose aziende e scegliere i prodotti migliori o più convenienti. Tutte le attività a portata di click. Prova a vedere quali sono i commercianti della tua zona presenti su Njdja.
  4. Non solo alimentari. Numerosi negozi di abbigliamento, accessori, oggettistica, così come professionisti di vari settori, grossisti, ecc. offrono servizio a domicilio. Il commercio a chilometro zero è più veloce di qualsiasi e-commerce.
  5. E soprattutto… diminuire i contagi! La consegna a domicilio, in questo periodo di emergenza #coronavirus, si è rivelata una alternativa efficace per evitare gli affollamenti nei supermercati. #iorestoacasa